"La natura è come una tavolozza bianca sulla quale puoi dipingere ciò che vuoi. Credo molto nel territorio in cui vivo che offre tantissime opportunità incredibili basta soltanto provarci mettendo in moto la creatività e facendoti spingere da un'idea che ti guida. Cambiano i sistemi ma l'uomo e la natura sono sempre gli stessi. La corsa nella natura è ciò che ha sempre permesso all'uomo di viaggiare, conoscere e soprattutto sognare. Se lo faccio io c'è tantissima altra gente che può farlo. L'importante è puntare a qualcosa e darsi un obiettivo al proprio livello, sarà comunque un'impresa e se condivisa con gli altri può essere uno stimolo per guardare oltre".

venerdì 31 ottobre 2008

Ottobre su Kominotti

Le 15 chiavi di ricerca di ottobre per arrivare a Kominotti:

Chiave cercata
Visite%
 1kominotti 11320,85% 
 2antonio rossi 346,27% 
 3heidi 305,54% 
 4cominotti blog 71,29% 
 5alberto tomba 61,11% 
 5manuela valsecchi 61,11% 
 5sara avoscan 61,11% 
 8ima lecco 50,92% 
 8video lariano 50,92% 
 10angelika rainer 40,74% 
 10daniele chiappa 40,74% 
 10donato lella 40,74% 
10 mike powell 40,74% 
10 stella marchisio 40,74% 
 10                       corni di canzo     4
   0,74%

Finale M Arco 2008 lead climbing

Nuovo filmato di Roberto Bagnoli. 
Mamma mia che voglia di tornare...ma quanto tempo ci vorrebbe a rimettermi in sesto? Forse troppo. Forse è già stata girata la pagina della mia scalata da gara. Se si torna, si torna bene non spenti.
Leggi qui il mio vecchio articolo sulla lead (per chi non conosce la scalata di resistenza....)

31/10 Giornata mondiale del risparmio

Quando io frequentavo le scuole elementari più di 30 anni fa era molto forte il messaggio che passava durante la giornata di oggi, Giornata mondiale del risparmio. Le banche di Lecco ci donavano gadget e ci insegnavano che poteva esser utile essere oculati nelle spese. 
Oggi non solo è utile ma è necessario tirare la cinghia......e su questa stagnazione/recessione si potrebbe aprire un blog a parte......Non più risparmio quindi ma sopravvivenza per molte famiglie italiane che dal 2002 (euro introdotto senza controllo della conseguente lievitazionedei  prezzi). 
Noi cerchiamo di andare in bici, di corsa o al max con lo scooter (tra l'altro che lavate in questi gg..!!).
Buon risparmio a tutti.

giovedì 30 ottobre 2008

Restyling del sito per i Falchi

New style per il sito dei forti Falchi: io lo leggo spesso per trarre stimoli ma sono molto distante dal loro livello....li ringrazio perchè sono arrivato una  volta primo: nei link dei blog.....(vedi).
Grazie!

Questa è una gran bella tentazione invece... leggi qui.

Completata cronaca corsa Cornizzolo di lunedì.

Leggi qui
Ieri sera ho fatto ripetute di corsa (5x1000) sul tapis roulant. Ritmi al km: da 4.20 a 4.30....di più non ne ho! 
E che fatica!
Oggi alle 14.30 approfittando della tregua che ha concesso il maltempo ho corso 8 km in 40 m. Domani se riesco un bel 15 km per preparare il lungo di domenica o lunedì.
Teniamo duro fino al 7-8 poi migliora....siamo in autunno.

lunedì 27 ottobre 2008

Giornata autunnale ma con buon trail.

Eupilio-SEC-Colma-3a Alpe-Gajum- Canzo-Segrino (Eupilio)

100 metri dopo la partenza.

I posti sono questi.....ma le foto non sono di oggi......!!
Sono molto soddisfatto della corsa di oggi per vari motivi.
Per prima cosa non ho accusato fatica....secondariamente non mi sono spostato molto da casa risparmiando energia (benzina..) e per il fatto che è stato l'ultimo giorno di tempo asciutto. O quasi. Infatti parto dalla rotonda del Segrino deciso a fare tutta la salita del Cornizzolo (sempre e solo su asfalto). Dopo un piccolo riscaldamento parto "in economia" perché la strada sale subito. Così a occhio mi sembra di viaggiare più svelto che in bici. E così sarà. Raggiungo regolare le 2 fattorie o meglio le mandrie di animali (mucche e capre) che sono lasciate libere di circolare sulla strada. Mi inserisco agile in un gruppetto di fuggitive (mucche....) e passo in testa arrivato al cancello con tornello sulla dx che mi obbliga a un piacevole ma limitato rallentamento. Da qui inizia un nebbione con visibilità 4 m, non di più che mi immerge in un clima surreale. Corro e sto bene. Allungo nella parte finale che alterna salita, falsopiano e discesa. Poi la rampetta verso il Rif. Marisa Consigliere  S.E.C che scorgo in maniera non definita causa nebbia. Spingo i miei passi verso il ripetitore del Monte RAI, poi prendo a sx in piano per il Sasso di Malascarpa. Dopo circa un km giro a dx (per pochi m in salita) il sentiero che la scorsa volta avevo percorsa nella direzione opposta. E' segnato in giallo e mi porta fino alla colma, un incrocio di sentieri: SEV, S.Tomaso e Terz'Alpe. Prendo quest'ultimo e scendo svelto mentre una pioggerellina mi bagna la faccia e inizia a rendere il terreno insidioso. Già nel traverso precedente le foglie e il sentiero in costa (ma non in bolla.....) mi aveva fatto rischiare un po....A Terz'Alpe prendo la stada sterrata e "ciotolata" che è veramente scivolosa. Veloce ma con attenzione sono al parcheggio dell'Albergo Gajum- Parcheggi) dove inizia la strada asfaltata che scende a Canzo. Tengo la sx in direzione Sud fino a spuntare sul rettilineo (di fronte al benzinaio) che da Canzo va al Segrino. Percorro il tratto più bello del lago e sono di nuovo allo scooter. Ora piove deciso. Sono contento, mi sento bene. Ho corso 19,80 Km in 2h e 8m.
Un bel giro che consiglio a tutti gli amanti della "corsa geografica".
Provatelo e ditemi il vostro parere.
Buona continuazione e buon autunno!!

Recuperiamo la memoria....e le emozioni.


Rieccomi a scrivere cercando di recuperare i pensieri e le belle sensazioni che le attività svolte mi hanno dato: sono passati 8 gg e mi rimane "l'essenziale".
Domenica 19 
Il cielo è magnifico, l'aria un fresca ma aiuta a definire meglio i  contorni delle montagne. Grigna e Grignone dominano e sembrano di una pulizia estrema. Io e Edith partiamo verso il Segrino pronti per la pedalata inaugurale per la "Ciclovia dei Laghi".
Il programma della giornata ci sembra proprio fatto apposta per passare una bella mattinata facendo sport in allegria e cordialità. 
L'accoglienza e la gestione della pedalata è a cura della società IL GIRETTO: veramente bravi!! Iscrizione con gadget e pass prima di tutto, poi ci gustiamo la visione delle magliette preparate dalle scuole secondarie di I grado per il concorso "progetta la maglietta".
Alcuni miei alunni con le loro famiglie sono presenti e, anche se non vincenti, rendono onore a chi è stato premiato dalla giuria. La creatività e l'originalità la fanno da padrone e mi fanno riflettere sulla fertilità intellettuale dei nostri pre-adolescenti.....
Si parte quindi per questi bei 5 km light a noi ben conosciuti intervallati da piacevoli spiegazioni storico/naturalistiche. In un 'attimo siamo al Lido dove un altro regalino ( souvenir di questa manifestazione) e un piacevole ristoro rendono Edith soddisfatta della partecipazione.
Che dire d'altro? 
Una giornata semplice, ottimamente organizzata dai ragazzi del GIRETTO, con tante famiglie attente ai temi dell'ecologia e dell'ambiente ma soprattutto della mobilità lenta e sostenibile.
Torno a casa veramente contento di essere stato con tanta gente (moltissime facce conosciute...) molto piacevole che condivide con me alcune idee fondamentali.

Lunedì 20
E' arrivato il momento del gran trail della Dorsale del Triangolo Lariano, COMO-BELLAGIO. E' da molto che penso a questa bella mattina di  corsa: non ho voluto sottovalutarla e mi son preparato per bene anche se in fondo sono poco più di 2 mesi che corro....
5.30 esco di casa con un buio al quale non sono abituato.....ho la bici in auto e mi dirigo verso Bellagio passando dal Ghisallo. In localita San Giovanni cerco una sponda a cui legar la bici e il casco: la mia riflessione è che ho scelto una bici un pò lentina per il mio rientro a Como....mah, si vedrà, intanto mi gusto un bel caffè al volo (manca il dolcificante....no!!) dal mio termos.
Proseguo in direzione sud verso Como: c'è già un bel traffico, la strada è anche stretta. Le luci sull'altra sponda del lago mi appaiono come uno scenario inconsueto e mi fanno compagnia.
Non ho il solito entusiasmo di fare che di solito mi agita e mi emoziona....mi sa che non sto benissimo....ho la gola un pò infiammata. 
Ma oggi è il giorno, punto e basta!!  
Fatico un pò a trovare il parcheggio gratuito in zona funicolare ma lo trovo..ancora un buon caffè, una sistemata all'abbigliamento e poi via, si parte!
7.30 inizio la rampa di via Carescione, sentiero che interseca la funicolare che sale a Brunate. L'ho provata lunedì scorso (qui le foto) e so che misura 2 km che faccio camminando abbastanza forte spingendo sui bastoncini....il dislivello è molto (da 201 a 715) e la strada è lunga....sono prudente e ci metto circa 28min fino alla Funicolare. Appena arrivo al Faro Voltiano comincio a correre bene. Sono autonomo dal punto di vista alimentare: il mio camel bag è pieno di una miscela che però mi appare subito non molto diluita...troppo dolce e credo non facile da digerire. Fa caldo tenendo conto del periodo e il terreno è molto asciutto.
Passo veloce le baite Carla e Bondella, tengo duro allo strappetto della baita Bondello e dopo poco mi "tuffo" nel faggeto sul lato nord del Bolettone (3 km e 200m). Arrivato alla Bocchetta di Lemna 1167 scelgo la strada a dx, invece che salire a P.dell'Asino (l'ho già fatta questa rampona...). Quindi ecco la Bocchetta di Palanzo 1210, il Rif Riella 1275 dove continua la ristrutturazione e poi senza tregua per  la Bocchetta di Caglio arrivo alla Colma del Piano proprio all'arrivo del Muro di Sormano. L'ho fatta un pò forte la discesa...me ne accorgo subito nei primi km del falso piano verso l'Alpe Spessola 1237. La gamba mi sembra impastata...ma appena esco dal bosco e scorgo il S. Primo cambio passo e seguo un ciclista che sale in direzione della vetta. Uno scambio di esperienze e un saluto con questo ragazzo all'Alpe di Terra Biotta 1400 e poi giù deciso verso Bellagio che vedo moooolto lontano.....fino a qui ho già fatto circa 24.5 km. Da questo momento non conosco minimamente il sentiero che scende di lì a poco in direzione degli impianti sciistici invernali del S.Primo. Le ginocchia tengon bene e passo la Colonia Bonomelli in direzione Rif. Martina...qui le tracce e le indicazioni non sono ben chiare, ma non perdo tempo: un contadino mi indica un sentiero nel bosco che mi porta verso valle. Per fortuna mi rendo conto subito che è quello giusto....di segnavia nessuna traccia. E intanto occhio alle foglie che nascondono i sassi mobili....Eccomi a Paum, Rovenza, Brogno percorrendo tratti di asfalto e sterrato molto compatto. Giunto poi a Perlo con le ginocchia "un filo" segnate prendo la mulattiera verso Bellagio (indicazione con cartello metallico argento). Sembra di scendere verso Somana dallo strapiombo di Mandello....scalinata e foglie, foglie e scalinata. Poi ecco il lago, ancora asfalto ed ecco apparire la bici.
Bravo! 4h e 40m e 34,70km  per la cronaca. Mangio svelto una barretta, indosso il casco e via verso Como. Che belle le prime pedalate: sono proprio fluide anche se la strada è un pò in salita. Ben presto il GPS sembra essersi inchiodato.....non passano più questi 30 km. Mi guardo attorno mentre pedalo al ritmo di un pensionato cicloturista tedesco sovrappeso. "Almeno faccio un pò di turismo" mi ripeto consolandomi un poco. Finalmente rivedo il blu della fedele Twingo che splende al sole. Eh sì, la giornata è stata sempre nuvolosa e adesso che ho terminato si è aperta con un caldo inusuale.
Carico la bici e parto in direzione casa, non troppo riposato per gustarmi il giretto ma ugualmente non-distrutto. La preparazione è stata proporzionale alla durezza-impegno del progetto e tutto è andato per il meglio!
Passo a scuola a prendere Edith che mi invita a tornare a casa .....di corsa.....NOOOOO!!
Consiglio vivamente questo trail anche perchè  dal punto di visto panoramico è superbo. Tuttavia non è proprio una banalità e va preparato per bene (dipende sempre dal livello di partenza...!). Sicuramente lo percorrerò ancora in allenamento anche se di questa prima volta mi resterà un magnifico ricordo.





Oggi bel trail "Girotondo del Cornizzolo"

20 km di buon trail con nebbia e pioggierellina....
E finalmente aggiornerò finalemente il blog!!

martedì 21 ottobre 2008

lunedì 20 ottobre 2008

venerdì 17 ottobre 2008

In attesa del lunedì con un buon trail running.

Nonostante la gran botta presa mercoledì scorso non mi sono dato per vinto e mi sono allenato abbastanza bene. Sabato 1o km campestri, lunedì 12 km da Como a Brunate e Baita Bondella, martedì 12 km su strada, oggi 13 km ancora sull'anello campestre di Annone. Dovrei essere abbastanza "in sagoma" per lunedì : Como- Bellagio sulla dorsale e ritorno in bici. In verità mi affascinava molto il ritorno in monopattino...ma il dubbio che sia un po troppo e soprattutto il non avere ottenuto il pass della famiglia (per ragioni di sicurezza) stradale) mi ha fatto decidere per la bici.

Domenica poi la "Pedalaghi" al lago del Segrino.

domenica 12 ottobre 2008

Valdagno Campionato ITA climbing: 2a Manu.

Bravissima Manu che cede a Jenny Lavarda solo in superfinale. 
Claudio 11°, fuori dalla finale anche se aveva il TOP della semi in mano.....
Per la cronaca ecco il podio M: Zardini, De Mattia, Larcher.
Purtroppo non riesco a godermi il bel risultato di Manu: una bruttissima notizia mi ha tagliato le gambe. Un mio amico, sempre nell'ambito dell'arrampicata, è gravissimo in seguito ad incidente stradale. 
Sono molto preoccupato, non ho voglia di far niente oggi....  

sabato 11 ottobre 2008

Il Giro di Lombardia e non solo, sabato prossimo.

E' sempre bello accogliere sulle nostre strade un'importante gara internazionale quale il 


Io però ho un'altra idea per quel dì.... è da un pò che mi frulla in testa: 
la Como - Bellagio di corsa
sulla dorsale del triangolo lariano. Il giro ha una lunghezza di 36 km per un dislivello positivo di 2650m. Qui la stessa uscita fatta dai forti FALCHI di Lecco. Penso di fare Bellagio-Como in bici o magari a star gran bene......in monopattino (31 km circa...)!!

Diego "Karatese" sempre sugli Scudi.....

Bravo Diego.
Complimenti da Kominotti!!

Come si legge nell'articolo anch'io l'ho salito.....il 25 luglio del 2002 (S.Giacomo...). Mi piacerebbe ritornare in quei luoghi! Ma ora sono un po' distante e soprattutto poco "adattato".

venerdì 10 ottobre 2008

Team Gamma domani a Valdagno (VI)

In bocca al lupo a TUTTI i nostri "ragazzi" per l'edizione 2008 del campionato italiano di arrampicata sportiva che si terrà nel bel palazzetto di Valdagno. Il team di Moreno Lavarda onorerà l'impegno e regalerà lo spettacolo che merita una manifestazione di questo livello.
Buon divertimento Claudio!



Qui il video della finale dell'anno scorso.

Valdagno CI 2008: occhio alla furbata....

Big Scorret ne ha pensata un'altra delle sue.....leggi qui.

giovedì 9 ottobre 2008

DAHDACAKOBE' in Patagonia di GCarlo Riva


Per il prossimo sabato 11 ottobre consiglio una bella proiezione (regia GCarlo Riva) inserita nella rassegna lecchese 

La lezione di Stefano Borgonovo

L'articolo di Stefano Benzi (eurosport) mi è piaciuto veramente molto. 

Oggi ricordiamo il Vajont.

Il disastro del Vajont  è il peggior disastro ambientale mai accaduto nel mondo provocato dall'uomo (Documento ONU illustrato alla presentazione del «2008 Anno internazionale del pianeta Terra). 
Vai al mio post del 2007.
9 ottobre 1963 alle ore 22.39

e qui vicino a noi....
Sabato 11 ottobre 2008 - Pescate (Lecco)

Il Comitato per i Sopravvissuti del Vajont organizza la Mostra Fotografica e Documentaristica "Vajont: per non dimenticare".


mercoledì 8 ottobre 2008

Mercoledì high impact....

Giornata esplosiva, proprio ad alto impatto......sono finito al Pronto Soccorso rimediando un trauma cranico (non grave) e 5 punti di sutura in piena fronte. Infortunio sul lavoro.....in palestra!!
Tutto è cominciato con l'argomento del giorno proposto alla mia classe la 3B: “Lasciare un segno” ogni individuo segna indelebilmente il mondo in cui vive, lasciando al suo passaggio considerevoli tracce di sé e del proprio operato. 
La sorte ha voluto che durante il bel pomeriggio dei Moduli sportivi un mio alunno l'ha lasciato si il segno...ma sulla mia fronte!! Nessun problema, sono cose che possono capitare: lui a scusarsi piangendo mentre il sangue sgorgava a ritmo del Caldone (fiume di Lecco).
Danno minimo. E' andata bene..un altro jolly giocato!
L'altra coincidenza è quella di stamane alle 7.00: tutto pronto in divisa da ciclista sto per partire in bici. Mi accorgo che non ho la luce a led rossi lammpeggianti posteriore. preferisco esser prudente, mi cambio e esco con lo scooter, oh....non vorrei andare all'ospedale :-))
L'arma.....

Aggiunto video "sentiero delle Grigne 2008"

Eccolo qui con il post su Max Mauri. 

martedì 7 ottobre 2008

Half Marathon...ma in monopattino!!

Giornata intensa con 6 ore di scuola + 1,5 ora CONI Lecco + 1 scuola (assemblea genitori 3e).
Nonostante tutto inserisco una bella "mezza" sulla ciclabile di Lecco.
Km 21, velocità max 25 km/h, tempo 1h 14'. Per essere il primo impegno serio dopo maggio (stop per problemi alla schiena) sono molto soddisfatto. Bisogna riconoscere che la pista di Lecco è veramente veloce: grana fine e ben trattata. Domani bici solita (km 30) per defaticare. Giovedì mattina dovrei andare a scuola di corsa (km 14) e magari anche tornare. Incredibile come sia buono il mio recupero da un giorno all'altro...seconda giovinezza? Impossibile....

lunedì 6 ottobre 2008

....e che gran bella corsa!!

Sono appena tornato: 30km tondi tondi e tutti di corsa!! Molto bene. Panorama magnifico. A domani per il report. Qui un bel sito per pianificare giretti in mtb in zona.

Ok alla piste ma vogliamo le corsie ciclabili, ovunque!

Intervista interessante...si parla di Milano ma ognuno pensi ai propri territori.....amministratori svegliatevi!! Siamo indietro un di 50 anni sull'Europa.....

domenica 5 ottobre 2008

Un lunedì di corsa....

Domani penso proprio di godermi il sole correndo dalla Colma del Piano (di Sormano) al Monte Boletto e ritorno......Transfert con lo scooter, sia chiaro! 

Qui il video della volta precedente il 7 aprile.

Un giro in bici per Annone...e dintorni.

ANNONE BRIANZA 5 OTTOBRE 2008

















Nell'ambito della festa dell'oratorio di Annone è prevista per oggi una biciclettata dal titolo 
"Evaaaii!! Con la pedalata oratoriana": potevamo mancare? Edith ed io partiamo alle 8.30 ben coperti per affrontare i quasi 10 km di pedalata. A parte le nostre solite strade entriamo nella "Poncia" a fare un po' di sterrato in direzione Molteno: che bello!! Una distesa verde invidiabile sotto un sole molto piacevole ci spinge avanti....

Che dire: bella iniziativa e un grazie a Don Davide!



P.S. prossima pedalata il 19 ottobre al Segrino per l'inaugurazione della "ciclovia dei laghi"....

Altra colazione con lo spettacolo fionda-Rossi.


La fionda 46 è micidiale!! Un 2° da incorniciare soprattutto dopo la gran mina di ieri.....

sabato 4 ottobre 2008

Endurance all'aria aperta.

Tutto come da programma: 
Annone-Sormano-Muro-Colma-Alpe Spessola-S.Primo-Pian del Tivano-Colma-Canzo-Annone.

Stavolta pochi sherzi del tempo: giornata favolosa. Unico pensiero il vento che, anche se non freddissimo, non si capisce bene quale direzione voglia prendere.
Dopo il ritrovo a Suello/Cesana Brianza partiamo alle 7.40. Via di buon passo su al Segrino, Canzo e attraversando il centro di Asso sulle strade percorse dai grandi miti del ciclismo del secolo scorso. Decisi fino a Sormano; poi dinnanzi a noi il mitico Muro (pendenza MEDIA 17% max 25%) ci invita a provarci. Anche se abbiamo alle spalle 20,40 km saliamo regolari come dei metronomi. Il tempo di scattare qualche foto (sotto) e siamo di nuovo in sella verso l'Alpe Spessola dove leghiamo le bici e ci prepariamo per la corsa che ci porterà in vetta al S. Primo. L'aria è fresca eio  procedo con le estremità coperte (berretto e guanti) per tutta la salita che si presenta nel primo tratto piuttosto in piedi fino all'Alpe di Terra Biotta, poi spiana con un fantastico sentiero erboso. In cima l'accoglienza è a cura di una 50a di capre e pecore che sono pronte a buttarsi sui nostri viveri (già all'osso). Foto e giù in picchiata a riprendere le nostre 2 ruote. Decidiamo di provare la discesa verso Pian del Tivano (molto bella anche se la variante ci vede nel fango....) che ci obbligherà a risalire per un km e mezzo fino alla Colma di Sormano. Ci copriamo e iniziamo  la discesa cercando di recuperare i colleghi dalle ruote fini.....con Stoner e Rossi nella testa eccoci di nuovo al Segrino per salutarci a Suello contenti e soddisfatti per un altra bella giornata di allenamento immersi in una natura splendida (oggi in particolare).

Totale 62km di cui 8km circa di corsa. Annone 265 slm- S.Primo 1686 slm.
L'arrivo sul Muro
Ultimi metri per Cristian...prima volta sul Muro!
In vetta al S.Primo 1868 slm